Si sta studiando un sensore da applicare al seggiolino per segnalare la presenza del neonato a bordo.

I bimbi dimenticati in auto dai propri genitori rappresentano purtroppo un grave problema al quale il Ministro dei Trasporti ha deciso di porre rimedio e quindi è stata comunicata l’intenzione di introdurre un dispositivo obbligatorio per segnalare la presenza dei piccoli, quando viene chiusa la vettura.

Così, presto potrebbe diventare obbligatorio un dispositivo da applicare al seggiolino, che segnali la presenza del bambino, quando viene chiusa l’auto, in modo da evitare possano poi avvenire delle tragedie, soprattutto nei mesi estivi.

La proposta è stata lanciata dal ministro dei trasporti Danilo Toninelli, in una diretta Facebook, in cui ha manifestato la volontà di modificare il Codice della Strada, introducendo un cambiamento all’articolo 172. “Tra pochi giorni la presenteremo al Consiglio dei Ministri”, ha poi detto.

Avevamo già affrontato il discorso dei bimbi in auto ed è una questione che ci sta molto a cuore. Il sistema è già in uso negli Stati Uniti e anche l’Italia si sta muovendo per porre rimedio a questo grave problema. Il costo del dispositivo dovrebbe essere di circa 100 euro, sui quali potrebbe esserci “un aiuto da parte dello Stato”, come applicare l’Iva agevolata. La proposta non è nuova, anzi, in Parlamento è già presente un disegno di legge, proposto ad inizio luglio dal senatore Riccardo Nencini.