Andrea Dovizioso è tornato sull’incidente di una settimana fa a Jerez e non usa mezzi termini per definire il comportamento del suo compagno di squadra.

I rapporti tra i due piloti Ducati, Jorge Lorenzo e Andrea Dovizioso, non sono mai stati idilliaci, ma la situazione in questa prima parte di stagione sta peggiorando. La frustrazione del maiorchino che, dopo un finale di stagione in crescendo nel 2017, quest’anno non ha ancora ottenuto risultati importanti sta rendendo tutto più complicato. L’incidente sul circuito di Jerez, che ha coinvolto i due ducatisti e Dani Pedrosa, non ha fatto altro che arroventare il clima.

Per l’accaduto Dovizioso ha dato la colpa soprattutto a Pedrosa, che poteva gestire meglio il sorpasso, poi però ha analizzato il comportamento di Lorenzo durante il loro duello e terminato con il sorpasso riuscito del forlivese. Come riporta il sito marca.com Dovizioso ha ricostruito così l’accaduto: “Lorenzo non voleva lasciarmi passare, ha rallentato per chiudere la porta. Non potevo riprendere Marquez, avevo perso troppo tempo dietro a Jorge. Lorenzo era veloce, ma troppo lento su alcune parti. Penso che non volesse lasciarmi passare e ha rallentato troppo in mezzo alla curva. Ecco perché ho perso tempo rispetto a Marquez. Ho fatto dieci giri per cercare di superarlo, ma non volevo sbagliare. Se fossi stato dietro a Marc, quando stavo spingendo, forse avrei potuto raggiungerlo”.

Dovizioso quindi rimprovera il compagno di squadra reo di non aver saputo leggere la gara e di averlo ostacolato, condizionando così la gara che poi è finita con uno zero per entrambi. Il forlivese arrivato a Jerez leader della classifica iridata ora è al quinto posto, a ben 24 punti di distacco dal campione del mondo in carica. Uno zero pesantissimo che rischia di compromettere il prosieguo di stagione soprattutto considerando il rendimento del rivale Marquez.