A poche settimane dall’inizio del mondiale di F1, proviamo a fare un’analisi – previsione della stagione che verrà considerando, solo in parte, i risultati dei test.

In tema di politica sportiva i tempi sono sicuramente cupi, tristi, grigi. Troppe polemiche e troppe tensioni tra Liberty Media e Marchionne e compagnia bella. Ferrari e Mercedes vanno abbastanza forte e forse potremmo aggiungere la Red Bull poiché pare che abbia lavorato bene.

Lo sappiamo, i test e i relativi tempi sono “chiacchiere da bar”, lasciano il tempo che trovano, ma intanto c’è da credere che sarà bagarre a tre, lotta serrata con tre team che se la daranno di santa ragione. La Ferrari va forte ed è molto forte anche la Mercedes. La Red Bull per il momento tiene il passo di quelli che al momento potremmo definire i primi della classe. L’anno scorso dopo le prime gare si sperava anche in una vittoria del mondiale, a riprova del fatto che i test e la prima parte del mondiale assicurano spettacolo, ma non dicono nulla sul vincitore, per fortuna possiamo aggiungere.

Analisi sui piloti

In casa Ferrari c’è maggior fiducia in Vettel, Raikkonen l’anno scorso non è stato quasi mai in grado di poter aiutare il proprio compagno di squadra, quest’anno Iceman potrebbe e dovrebbe aver voglia di riscattarsi. In casa Mercedes crediamo in una crescita di Bottas, al quale quest’anno potrebbe andare stretto il ruolo di seconda guida, se consideriamo che l’anno scorso ha portato a casa 3 gare ed è arrivato terzo in classifica piloti. Un ottimo gregario se ci ostiniamo a considerarlo tale, ma gregario non è. Il suo problema è che si trova a dover convivere con un Hamilton, un pilota che nel 2007 rese la vita difficile anche al samurai Alonso.

Ricciardo e Verstappen hanno tra le mani una buona base di partenza, Red Bull potrebbe essere molto più di un outsider. Staremo a vedere, i risultati dei test non parlano chiaro forse, ma promettono scintille.