Lewis ha disertato il giovedì del GP d’Italia per “motivi personali”, come ha fatto sapere la Mercedes: sarà presente per le libere del venerdì mattina. Bottas: “Ordini di scuderia? Si può, ma quando il mio distacco sarà troppo ampio…”

L’inglese della Mercedes è stato il grande assente della prima giornata del GP d’Italia sul circuito brianzolo, disertata “per motivi personali”, come ha spiegato la sua scuderia. Tuttavia non preoccupatevi perché Hamilton sarà regolarmente in pista domenica, anzi sarà regolarmente in pista già a partire da domani per le prove libere.

L’assenza di Hamilton è inusuale: la sua presenza non era prevista nella conferenza stampa della Fia, ma Lewis avrebbe dovuto comunque partecipare al previsto incontro con la stampa nel motorhome Mercedes, un rituale di ogni giovedì dei GP, giornata dedicata appunto agli appuntamenti con i media e alla passeggiata in pit lane. Hamilton è atteso all’autodromo di Monza nella mattinata del venerdì per la prima sessione di prove libere.
Intanto tiene banco in casa Mercedes la questione degli ordini di scuderia, cosa che Toto Wolff potrebbe iniziare a ipotizzare dopo Monza. Bottas a tal proposito ha rilasciato delle dichiarazioni che a nostro dire sono mere frasi di circostanza: “Il nostro obiettivo è di vincere entrambi i mondiali e quindi è una cosa che si può ipotizzare quando la mia situazione per il mondiale sarà quasi compromessa – dice Bottas, che è a 87 punti da Hamilton -. I numeri non mi condannano ancora, non sono messo benissimo per il titolo piloti e le gare diminuiscono, ma non sono del tutto escluso: qualora lo dovessi essere, allora potrei aiutare Lewis“.
Bottas sa troppo bene di essere il pilota numero due ed in effetti tante volte ha avuto un atteggiamento da “secondo” con la sua guida a difesa di Hamilton. Non che sia vietato, ma il pilota finlandese mente sapendo di mentire!