Una battuta d’arresto che in Ferrari non si aspettavano. I rivali invece si sono mossi bene su una pista tradizionalmente Mercedes. Hamilton e il suo fido scudiero hanno avuto zero problemi.

HAMILTON 9 – Gli avremmo voluto dare dieci, ma vista la sua capigliatura! Per il resto è il “solito” vecchio Hamilton, campione in carica, alla sua seconda vittoria stagionale, morale alto. Il numero 44 è ritornato e adesso ne vedremo delle belle. Ieri non ha avuto problemi, nemmeno una goccia di sudore. Non una sbavatura, tutto perfetto. Inarrivabile

BOTTAS – 8 Il suo ruolo è fare il secondo, si comporta da secondo, arriva secondo. Quindi da buon secondo qual è, fa quello che gli viene chiesto, quello per cui è pagato. Prende la sua macchina e la porta al traguardo guadagnando punti in ottica mondiale costruttori e siamo certi che sarebbe una prima guida eccellente se non avesse tra i piedi un certo Hamilton, primo appunto. “Secondo”… della classe!

VETTEL 6 – Scalcia e tira pugni senza mai toccare l’avversario (bello il sorpasso su Magnussen dopo il primo pit stop), senza riuscire mai ad impensierirlo, proprio come accade di notte nei sogni. Arriva quarto, non riesce a raggiungere Verstappen che viaggia a circa due secondi sul finire della gara per di più con un’ala danneggiata. Claudicante

GROSJEAN 0 – Un pilota di F1 deve (dovrebbe) anche sapere che durante un testacoda deve togliere il piede dell’acceleratore. Non vogliamo infierire quindi non andiamo oltre. Somaro

VERSTAPPEN 7 – Una toccata, un incidente, un erroraccio lo stavamo aspettando e alla fine è arrivato. Colpa o non colpa, lui ci sta sempre dentro. Stavolta gli è andata piuttosto bene e ha raggiunto un terzo posto che lo salva anche un po’ da tutte le polemiche. Geniale o sregolato?

FERRARI 4 – Molto ha pesato la strategia, che ha fatto perdere due posizioni a Vettel con una seconda sosta perché dopo averlo fatto fermare molto presto al muretto rosso non erano sicuri di poter tirare avanti fino alla fine. Con una strategia più lineare il tedesco avrebbe probabilmente colto un 2° posto e ora parleremmo di una situazione ben diversa, a livello di morale e di classifica. Sprovveduta