Cal Crutchlow ha detto senza mezzi termini che se lo spagnolo avesse avuto la sua stessa moto, il risultato sarebbe stato diverso. Marquez non ci sta: “Le moto sono uguali”

Sarà perché vince spesso (e i vincitori non sempre piacciono), sarà perchè a tratti scorretto, fatto sta che Marquez all’interno del paddock non gode di molta simpatia a quanto pare. L’ultimo attacco arriva da Cal Crutchlow che parla della gara di Jerez.

L’inglese, si sa, non ha peli sulla lingua e come riporta il sito spagnolo Marca.com ha dichiarato: “Non penso proprio che Marc Marquez avrebbe vinto così facilmente la gara, se avesse avuto per le mani la mia stessa moto”. Crutchlow si riferisce alla facilità con cui Marquez ha vinto il quarto Gran Premio stagionale, dopo aver preso il comando della gara all’ottavo giro e aver dominato i restanti giri.

Anche quella di Dani Pedrosa era una gara positiva prima della caduta, nella quale stava lottando per il podio. Il portacolori del team di Cecchinello ha continuato: “Marquez e Pedrosa venerdì lasciavano segni di gomma sull’asfalto. Il sabato molto meno e la domenica nessuna traccia. Durante la corsa Marc si è limitato a guidare a velocità di crociera. Avevo avuto lo stesso loro ritmo per tutto il weekend, ma quando l’aderenza dell’asfalto è diminuita non potevo più mantenere quella velocità, e questo perché non ho la stessa moto”. Alle parole di Crutchlow hanno fatto seguito quelle di Marc Marquez, che ha risposto piccato: “Cal guida esattamente la mia stessa moto. Anzi, a volte a lui vengono dati pezzi prima di me, perché li deve provare”. Le lamentele di Crutchlow sono state rimandate al mittente, attendiamo la seconda puntata.