Marc Marquez in un’intervista rilasciata al quotidiano AS ha parlato della lotta al titolo MotoGP in cui sta affrontando Andrea Dovizioso.

“Senza dubbio per me è meglio essere leader. Ho un piccolo ‘materasso’ che consente in minimo margine di errore grazie a quei punti di vantaggio e sono più comodo. Invece se sei dietro non puoi sbagliare”.

Adesso arrivano le tre gare di Motegi, Phillip Island e Sepang, lo spagnolo ha commentato così il prossimo futuro:

“Affronteremo tutto bene, ci stiamo preparando fisicamente ed è importante caricare le batterie. Sono tre appuntamenti di fila con cambi di orari e sono cose che consumano energie, ma non vediamo l’ora di arrivare e vedere se siamo in grado di mantenere il vantaggio. Il circuito meno gradito dei tre? Fino all’anno scorso avrei detto Motegi, ma poi sono andato molto bene. Mi sono trovato a mio agio, sono stavo veloce da subito e ho vinto sia gara che titolo”.

L’ultimo GP sarà a Valencia, dove Marquez ovviamente spera di aver già chiuso i discorsi per il titolo:

“Spero di arrivare alla gara finale con tutto deciso, ovviamente a mio favore. Seriamente credo che per il titolo si deciderà tutto a Valencia. E’ uno dei circuiti dove ho girato di più, già da ragazzino ci venivo ad allenarmi, poi le gare del campionato spagnolo… Se devo giocarmi il titolo è un tracciato che mi piace e dove vado bene”.

Infine gli viene chiesto se ‘marcherà’ i suoi avversari per il titolo, Andrea Dovizioso e Maverick Vinales:

“La chiave è vedere tutti i rivali in ugual modo. Non solo i due con cui ti giochi il titolo. Può spuntare Lorenzo in Giappone, che lì va veloce anche la Ducati, e può vincere la gara. Non si può controllare un singolo pilota o due”.

Cosa ne pensate? Fatecelo sapere sulla nostra pagina Facebook – NoiMotori.it