La Ducati al momento è una medaglia a due facce. Dovizioso ha rifiutato la prima offerta, Jorge Lorenzo non sta ottenendo i risultati sperati, e l’amministratore delegato Claudio Domenicali ha parlato di un possibile interesse nei confronti di due ex ducatisti, Crutchlow e Iannone.

Ducati è ancora in alto mare per quanto riguarda i piloti della prossima stagione. La casa di Borgo Panigale ha fatto una proposta ad Andrea Dovizioso, il quale però l’ha rispedita al mittente, mentre con Jorge Lorenzo non essendo arrivati i risultati sperati bisogna capire quali sono le intenzioni da entrambe le parti.

Durante il Gran Premio di Spagna l’amministratore delegato Claudio Domenicali ha rilasciato alcune dichiarazioni a proposito ai microfoni di Sky Sport: “Dovizioso ha fatto un lavoro fantastico, quindi ci sono tutti i presupposti perché questa storia continui, ma bisogna essere in due. Oggi abbiamo una bella moto e abbiamo dei grandi piloti che la possono portare alla vittoria, il primo di tutti è Dovi. Vorrei che questa cosa vada in porto, se non ci riuscissimo credo che faremo una squadra fantastica per puntare al titolo anche il prossimo anno”.

Nello specifico Domenicali ha detto: “Di figli ne abbiamo avuti diversi, facciamo un lavoro fantastico, fare moto da corsa e moto di serie, e abbiamo un sacco di ragazzi che hanno fatto gare bellissime. Andrea Iannone è quello che ha vinto per primo nel 2016, quindi ci è rimasto… Cal Crutchlow ha lasciato un bellissimo ricordo, ha deciso di prendere un’altra strada, ma quando sono diventato amministratore delegato nel 2013 ho fortemente voluto che rimanesse con noi nel 2014, è un pilota che mi piace moltissimo. Oggi ha un contratto, ma fa parte dei piloti che ci piacciono moltissimo. Con Lorenzo i risultati sono mancati per entrambi, stiamo ragionando insieme. La partita è molto aperta”. Bisogna anche ricordare che Danilo Petrucci è in scadenza di contratto con il team Alma Pramac. Ormai non manca molto tempo alla chiusura della partita, le prossime settimane saranno quelle fondamentali.

Per Ducati quindi la questione è completamente aperta e anche piuttosto complicata. Tante possibili soluzioni, anche qualche sorpresa e qualche ritorno al passato. Se dovessimo indovinare uno dei partenti, Lorenzo è sicuramente tra i primi a lasciare la sella. Ducati se ne vuole sbarazzare nonostante le “diplomatiche” dichiarazioni di Dall’Igna dopo l’incidente – fattaccio di Jerez.