5 grandi piloti sono stati intervistati sul momento in carriera di Valentino Rossi e sul suo essere competitivo. Ecco cos’hanno risposto.

39 anni d’età e nove titoli mondiali, attualmente secondo nel mondiale piloti e di ritiro non se ne parla visto il rinnovo di inizio stagione. Valentino Rossi continua a essere competitivo in pista e ad avere una grande fame di vincere. Il Dottore è un “esemplare” più unico che raro e in un video del sito ufficiale MotoGP i grandi del motociclismo hanno provato a definirlo.

CASEY STONER
Il più giovane degli ex piloti a parlare è stato Casey Stoner, che si è ritirato a soli 25 anni, e che ha detto: “Valentino se continua a lavorare sarà veloce. Non c’è un limite di età in MotoGP, se non hai infortuni, il tuo corpo resiste e ti diverti, perché bisogna smettere?”

GIACOMO AGOSTINI                                                                                                                                                            All’australiano fa eco il 15 volte del mondo Giacomo Agostini che ha detto: “Gli piacciono le motociclette, la competizione, l’ambiente, è difficile ritirarsi. È bravo, è ancora veloce ed è felice, perché non dovrebbe continuare?”

WAYNE RAINEY                                                                                                                                                                                 A prendere la parola c’è anche Wayne Rainey, tre volte campione del mondo, che ha detto: “Lui è incredibile! Non si fa mai abbattere dai momenti difficili, questo è molto importante in MotoGP. È circondato da una buona squadra e ha molti progetti intorno a lui”.

KENNY ROBERTS                                                                                                                                                                               Uno che di successi in Yamaha se ne intende, ha ammesso: “Rossi non si può confrontare con nessun’altro. Di Valentino Rossi ce n’è uno solo. A 39 anni è ancora in lotta per il titolo, è qualcosa che ha proprio nel sangue. Davanti a lui, chapeau! È un pilota eccezionale”.

KEVIN SCHWANTZ                                                                                                                                                                   L’ex leggenda Suzuki si è espresso a suo favore, e ha dichiarato: “Ha trovato un modo per essere sempre motivato, anche se considerando il calendario MotoGP è difficile. È incredibile il modo in cui trova la motivazione per preparare la stagione, quando magari arrivi a casa e vuoi solo riposarti, lui continua a lavorare. Penso che sarà competitivo anche nelle prossime due stagioni”.

Insomma, cinque piloti che hanno parlato tutti positivamente del pilota di Tavullia. Secondo loro non dovrebbe smettere visto il suo livello di competitivtà (al netto del valore tecnico della moto ovviamente e degli ultimi risultati), vista la sua fame di vittorie e soprattutto considerando il fatto che in moto Rossi si diverte ancora come se avesse appena iniziato.