La prima vittoria arrivò il 20 agosto 1978 con l’italiano Virginio Ferrari in sella a una Suzuki.

Nel lontano 1978 Brembo contava appena 100 dipendenti e si apprestava a vincere la sua prima gara, la prima di una lunga, lunghissima serie. Virginio Ferrari con una Suzuki non ufficiale nella allora classe regina del motomondiale, disponeva di pinze Brembo a 2 pistoni da 38 mm Serie Oro, di una pompa assiale Brembo da 15,87 e di 2 dischi anteriori in ghisa da 280 mm.

Oggi, Brembo conta oltre 10.000 dipendenti e le vittorie accumulate sono al 30 luglio 2018 ben 472: per dare un’idea dell’importanza dell’azienda italiana in 500-MotoGP basti pensare che l’ultima vittoria di una moto non dotata dell’impianto frenante Brembo nella classe regina del motomondiale risale al 21 maggio del 1995.

Negli ultimi 23 anni praticamente quasi tutti i piloti hanno scelto sempre sistemi frenanti Brembo e senza imposizioni da parte del regolamento. Chi ha vinto di più con l’azienda italiana, manco a dirlo, è Valentino Rossi: 89 vittorie in classe regina, mettendo il proprio sigillo alla vittoria numero 200 (GP Brasile 2002) e 300 (GP San Marino 2008).

La 100° vittoria l’ha conseguita Mick Doohan che, con 54 gare vinte con freni Brembo, si colloca al secondo posto di questa speciale classifica: proprio per lui, vittima di un terribile incidente ad Assen nel 1992 che aveva compromesso la piena funzionalità della gamba destra, i tecnici Brembo realizzarono la pompa pollice al fine di ovviare alla menomazione.

Per quanto riguarda i costruttori è Honda che guida per numero di vittorie con freni Brembo, ben 236, poi Yamaha con 176, Ducati con 42 e Suzuki con 14.