Ora è ufficiale, Riccardo Russo il prossimo anno correrà in Superbike.

Riccardo Russo, pilota partenopeo nato a Maddaloni, dopo una stagione segnata da un brutto infortunio che lo ha tenuto lontano dalla sua Yamaha per ben 4 mesi, ha firmato un prestigioso contratto in Superbike con il team Yamaha Guandalini Racing di Mirko Guandalini, una scuderia solida che ha esperienza al CIV e nel Mondiale Superbike, prima come team indipendente nel 2009, poi in fusione con il team di Marco Borciani nel 2010.

Nonostante quindi Ricky sia stato assente per vari mesi, era impossibile per il team Yamaha Guandalini non notare il grande talento che possiede il giovane pilota campano, talento che abbiamo ed hanno notato tutti nei suoi Gran Premi di Superstock 1000.

Ecco le prime dichiarazioni di Ricky dopo l’annuncio del suo approdo in SBK, ecco le sue parole:

“Sono molto felice di poter far parte del mondiale Superbike perchè ritengo sia giusto mettermi alla prova con i migliori. Avrei avuto la possibilità di fare un’altra stagione nella Stock con Yamaha, e per questo voglio ringraziare Andrea Dosoli per la fiducia. Ho avuto anche un’altra proposta in Stock, ma ho preferito rimanere in orbita Yamaha. Ringrazio Mirco Guandalini dell’opportunità e spero che Yamaha possa avere un’occhio di riguardo per noi se lo meritiamo.”

Riguardo poi ad eventuali previsioni per il campionato ha aggiunto:

“Fare previsioni è difficile, ma di certo cercherò di dare il massimo cercando di fare esperienza con la consapevolezza dei nostri mezzi”

La carriera di Riccardo Russo

La carriera di Riccardo inizia ufficialmente nel 2008 in una gara della classe 125 nel campionato italiano velocità. Nel 2009 partecipa all’intero campionato con una Aprilia RS 125 R del team Ellegi Racing, classificandosi nono con 34 punti nella graduatoria piloti.

Nel 2010 inizia la sua esperienza con le moto derivate dalla serie guidando una Yamaha YZF R6 del team Bike e Motoracing nella categoria Stock 600 del campionato italiano, chiudendo quinto con 58 punti. Nello stesso anno ottiene tre wild card per il campionato europeo Superstock 600, conquistando 24 punti ed il diciassettesimo posto in classifica.

Nel 2011, prende parte sia al CIV da pilota titolare nell’europeo Superstock 600 con il team Trasimeno. I risultati stagionali lo vedono secondo con 116 punti in ambito nazionale e sesto con 94 punti in ambito continentale.

Nel 2012 arriva secondo nel campionato europeo Superstock 600 con una Yamaha YZF R6 del team Italia FMI e vincendo il campionato italiano velocità.

Esordisce in una competizione mondiale nel 2013 quando è iscritto al campionato mondiale Supersport con una Kawasaki ZX-6R del team Puccetti Racing Kawasaki.

Nel 2014 continua a disputare il mondiale Supersport, passando però al Team Lorini che gli affida una Honda CBR600RR.. Nella stessa stagione debutta nel mondiale Superbike in sella alla Kawasaki ZX-10R del team Pedercini, lasciata libera dall’infortunio di Luca Scassa. Nello stesso anno corre anche cinque gare nella classe Moto2 del motomondiale con la Suter MMX2 del team Tasca Racing in sostituzione di Alex De Angelis. In Supersport chiude diciassettesimo con 25 punti, in Superbike chiude trentesimo con 5 punti, in Moto2 non prende punti.

Il 20 ottobre 2014 sigla il contratto con il team CIA Landlords Insurance Honda per partecipare nel 2015 al campionato mondiale Supersport. Partecipa alle prime otto gare della stagione totalizzando 31 punti che gli valgono il sedicesimo posto nel mondiale. Termina la stagione 2015 nella Superstock 1000 FIM Cup partecipando alle ultime due gare in calendario in sella ad una Yamaha YZF-R1 del team G.M. Racing, totalizzando 13 punti.

Nel 2016 diventa pilota titolare nella Superstock 1000 FIM Cup, portando in pista, assieme al francese Florian Marino, la Yamaha ufficiale del team Pata Yamaha Official Stock Team. In questa stagione è costretto a saltare il Gran Premio d’Inghilterra i Gran Premi di Italia a Imola e Misano a causa di una frattura a tibia e perone rimediate ad Assen dove partiva dalla pole position.  Rientra per il Gran Premio di Germania al Lausitzring dove riesce a portare a casa il primo podio di categoria giungendo terzo. Chiude la stagione al nono posto con quarantanove punti ottenuti.

Un grande in bocca al lupo dalla redazione Noi Motori, seguiremo Ricky durante tutta la stagione augurandogli il meglio.