Carlo Vanzini, giornalista di Sky Sport, crede che il mondiale di F1 2018 sarà ricordato anche dalle generazioni future

Continua a tenere banco l’acceso duello mondiale tra Sebastian Vettel e Lewis Hamilton, soprattutto dopo l’ultimo Gran Premio di Gran Bretagna, decimo appuntamento del mondiale 2018 di Formula Uno.

Nel corso di un proprio intervento a Sky Sport 24, Carlo Vanzini ha parlato di questa rivalità sportiva, sottolineando come il duello di quest’anno, unito a quello della passata stagione, sta regalando agli appassionati una delle pagine più belle della storia del Circus, soprattutto in termini di tensione. Una sfida bellissima che sta offrendo ai tifosi emozioni, gare combattute e clamorosi colpi di scena.

Parlando proprio di questo aspetto, l’esperto giornalista di Sky ritiene che il dualismo Vettel/Hamilton sarà ricordato come la grande sfida di questo tempo, un pò come quella Prost/Senna del periodo McLaren. Un altro duello interessante è stato quello tra Mika Hakkinen (all’epoca pilota McLaren Mercedes) e Michael Schumacher (all’epoca in Ferrari. Con i rispettivi compagni di squadra (Irvine e Coulthard) che spesso hanno tenuto botta e spesso invece hanno fatto il botto. Indimenticabile a tal proposito è l’incidente sotto la pioggia battente di Spa Francorchamps (mondiale F1 1998) con Schumi primo in classifica e maestro della pioggia che prese in pieno un David Coulthard ormai doppiato. Appena giunto nei box,  Schumacher andò come una furia verso il box della McLaren e fu molto difficile tenere la calma.

Vanzini ha ragione, tra qualche anno si parlerà ancora del “mondiale di F1 del 2018…” e adesso a giocarsi il mondiale c’è di nuovo un tedesco in Ferrari e dall’altra c’è parte di quella vecchia scuderia, oramai solo Mercedes. E il duello continua…